Flowave 2 – Forme d’onda e frequenze per trattamento patologie

Flowave2® è un dispositivo innovativo che coniuga l’utilizzo di un segnale a micro correnti parametrizzato ovvero caratterizzato da forme d’onda e frequenze specifiche con l’azione della pressione negativa (vacuum)  per il trattamento di patologie di origine traumatica, edematosa e del sistema veno/linfatico.

L’azione di Flowave 2 è multi-target poiché i parametri operativi del segnale, gli conferiscono la capacità di agire su diversi sistemi biologici in totale armonia con i meccanismi fisiologici effettuando il trattamento terapeutico con la massima sicurezza ed efficacia poiché l’azione è svolta  alla “radice” della patologia/trauma.

Inoltre grazie ai sistemi di valutazione e controllo, insiti nell’apparecchiatura, è possibile verificare la risposta fisiologica al trattamento: biofeedback operatore, macchina, paziente.

Chi può utilizzarlo?

Il Flowave 2 può essere utilizzato da medici, fisioterapisti, infermieri e da tutti gli operatori abilitati all’esercizio della professione sanitaria opportunamente istruite al corretto uso della macchina e informate dei rischi derivanti da un suo utilizzo improprio.

Campi di utilizzo

  • Riabilitazione muscolare
  • Riabilitazione linfatica
  • Ricostruzione tessutale
  • Trattamento del dolore

Il Flowave trova utilizzo elettivo su:

  • Edema, Linfedema di I e II livello
  • Infiammazione
  • Stasi venosa
  • Dolore di gambe
  • Traumi
  • Lesioni muscolari
  • Tensioni muscolari
  • Ernie discali
  • Artrosi
  • Artriti
  • Dolore cronico
  • Dolore acuto

Ulcere:

  • Ulcera post-traumatica
  • Piede diabetico
  • Piaga da decubito

Azione

Flowave 2 ® svolge la sua azione terapeutica:

  • Rete fluida (sistema circolatorio e linfatico)
  • Sistema connettivale
  • Sistema muscolare

Sulla rete fluida il segnale a micro correnti grazie a range di frequenza specifici,  provoca la rottura di aggregati proteici, apre le stazioni linfonodali,  favorisce il drenaggio dell’interstizio, riattiva il microcircolo; sul sistema connettivale l’azione del vacuum ripristina le condizioni fisiologiche del tessuto stesso, favorendo il riequilibrio degli scambi intra ed extra cellulari nonché uno scollamento di aderenze miofasciali; sul sistema muscolare, le micrcorrenti effettuano una stimolazione delle miofibrille che ne riattiva la piena funzionalità.

Il dispositivo può essere usato nelle seguenti modalità:

  • Statica (operatore indipendente), attraverso l’uso di patches che offrono un modo versatile e semplice per aprire le stazioni linfonodali preparandole alla ricezione e allo smaltimento degli aggregati proteici ricaptati e dei liquidi stagnanti mobilizzati.
  • Dinamica (operatore dipendente), attraverso l’uso del manipolo che offre la possibilità di gestire l’erogazione delle microcorrenti in dinamica e le potenzialità del vacuum .
  • Combinata, attraverso sia l’uso del manipolo che delle patches, in grado di coniugare le due azioni allo stesso tempo in modo da ottenere un’azione sinergica importante.

Il controllo impedenziometrico permette di guidare il trattamento verso le zone del corpo che presentano una resistenza maggiore, sintomo di una sofferenza tissutale (congestione, edema, ristagno di proteine nell’interstizio) e di seguirne l’evoluzione in tempo reale durante il trattamento.

In seguito al trattamento con Flowave 2 ® si rilevano:

  • Diminuzione della componente edematosa (con riduzione centimetrica della circonferenza dell’arto trattato)
  • Stimolo dell’attività muscolare
  • Riduzione del dolore e della sensazione di stanchezza
  • Rigenerazione tissutale

Mezzi fisici

Flowave 2 è l’unico elettromedicale che utilizza contemporaneamente quattro mezzi fisici ed un sistema di controllo.

Flowave 2 utilizza:

  • Biorisonanza
  • Polarterapia
  • Vacuum connettivale
  • Veicolazione trans dermica
  • Controllo eco
  • Controllo impedenziometrico
  • Principi attivi naturali

Risultati

  • Riduzione centimetrica dell’arto trattato
  • Diminuzione dell’edema( gonfiore) con riduzione della componente proteica ed interstiziale
  • Riduzione della ritenzione idrica con aumento della diuresi
  • Aumento del tono e definizione delle fasce muscolari
  • Attivazione del microcircolo con migliore ossigenazione e nutrimento cellulare
  • Incremento della temperatura locale dell’area trattata
  • Riduzione dell’adiposità localizzata e della cellulite
  • Aumento dell’elasticità e del tono cutaneo

I dati sperimentali a medio/lungo termine evidenziano che le zone trattate non ritornano nella situazione patologica primitiva.

Video